mercoledì 31 luglio 2013

#CIVETTIAMO: LA RUBRICA DEGLI ERRORI FATALI, EPISODIO 10

Carissimi seguaci,
incredibile ma vero, siamo arrivati al decimo episodio di #civettiamo. Estate o inverno, gli errori non mancano, serve solo qualcuno che abbia il coraggio di dire al mondo che certe cose fanno schifo.
Ed è qui che entriamo in gioco io e la mia mission: dichiarare tutta la verità su cose orride.
Andando in giro per negozi e centri commerciali durante i saldi, oltre ad avere scoperto che non sono in grado di acquistare cose a saldo, causa snervamento da disordine post guerra civile per l'ultimo paio di boyfriend jeans decenti scontati rimasti, mi sono resa conto, che se una cosa non mi piace (e sia chiaro: continua a non piacermi), secondo la testa bacata di alcuni fatidici direttori marketing di super aziende, me le dovrei far piacere, auto convincendomi che quella determinata cosa va di moda, e perciò è il top!
Eh no cari miei. Non conoscete la belva. Io il crop top con la pancia non me lo metto, io la mia ciccia la copro e come! Anzi, negli anni, credo di aver sviluppato una capacità chiamata "esaltazione di qualità fisiche", una materia sconosciuta alla mie amate #civettiamogirls.
Insomma, che mondo sarebbe senza di loro?
Con questo episodio, spero di chiudere definitivamente la questione estate, ma non ne sono proprio tanto sicura, per cui vorrei ancora andarci con i piedi di piombo, lasciando spazio a quello che potrebbe rivelarsi il peggio del peggio.
Nel frattempo, i miei #civettiamofans, aumentano a dismisura: vi voglio bene sappiatelo.
Ma passiamo pure agli orrori di questa settimana, la fonte di ispirazione continua ad essere lei: la spiaggia.


Il costume spezzato n'do cojo n'do cojo

Per le più sofisticate "Mix and Match". Una volta, il mix and match nei negozi di costumi, era inteso come possibilità di prendere una taglia per il reggiseno e un'altra per la mutanda o al massimo, abbinare colori a tinta unita con fantasie della stessa tonalità. Oggi come oggi, con questa espressione, si intende invece, ( e secondo me anche questa volta, è colpa della crisi economica) mischiare i vecchi costumi abbandonati nel proprio armadio, alla "n'do cojo cojo, tanto va de moda".
Così, proprio come la mutanda del bikini, col tempo è diventata un cerotto copri parti intime, il mix and match, ha subito una pericolosissima evoluzione.
Il "ndo cojo cojo universale", ha origine qualche estate fa, quando sulla spiagge di Formentera, veline e velonze, hanno iniziato a pensare che un po come ad Hollywood, uno dei modi per far parlare di se, era vestirsi a cavolo.
Ora. Spostiamoci sempre nella mia amata Capocotta beach. Non siamo a Formentera, non siamo a Copacabana, ma siamo a Capocotta, e non puoi fare il "n'do cojo cojo" mettendo un reggiseno giallo fluo sopra e una mutanda verde fluo sotto, una fascia  bandiera del Brasile sopra e una mutanda Stati Uniti sotto, e soprattutto non puoi farlo con la collezione 2011 e 2012 di Tezenis.
Detto ciò, voglio sottolineare il mio profondo rispetto per la saggezza delle #civettiamogirls nel non cadere in crisi isteriche, ogni qualvolta che in spiaggia, hanno difronte una con il loro stesso identico costume acquistato da Tezenis; non oso immaginare il disagio provato, quando il "n'do cojo cojo Tezenis" è praticamente identico.
(Definizione del "n'do cojo cojo Tezenis": Indossare costumi Tezenis acquistati da dieci anni a questa parte, mischiando slip e reggiseni di più collezioni, ignorando il fatto che il risultato finale non se pò guardà.)
 Io personalmente, utilizzo il "n'do cojo cojo style" quando mi rendo conto di aver acquistato una taglia troppo piccola di mutanda, insomma da quando la taglia 40 è la nuova 56, non ci si raccapezza più nulla con le misure e quindi, per mettere il pezzo sopra del mio costume preferito (ma con taglia sbagliata di mutanda), mi trovo costretta a scegliere la modalità "n'do cojo cojo", ritenendo che le migliori soluzioni siano tinta unita su tinta unita e/o fantasia su tinta unita (magari scegliendo tonalità sobrie).
E voi, di che " n'do cojo cojo" siete?

Costumi Tezenis pronti per il "n'do cojo cojo"
N.b: No non state impazzendo, vi stanno proprio perseguitando e  sono di nuovo loro: costumi Tezenis all'attacco!


Il secondo orrore di oggi é:

Lo stivale invernale in spiaggia (schiuma compresa)

Giuro che non volevo darvi questo dispiacere, ma ingenuamente ho pensato che queste cose non esistessero più. Pensavo male, malissimo.
E sono arrivata alla conclusione che troppa Tv fa male; non sono dicerie, fa male veramente.



Ed è ufficiale: la versione #civettiamogirl per la categoria "stivali in spiaggia" 2013 è questa: capelli lunghi con shatush privo di gradazione, abbronzatura ignorante da Olio Johnson fin dal primo giorno di sole, caftano fluo e lui: non uno stivaletto, non un infradito che non accetta di essere tale, ma il vero e proprio stivale invernale con tacco. Mentre cammina in spiaggia, la mia #civettiamogirl ride, sembrando all'apparenza gioiosa e serena; nella realtà, mi sta soffrendo come un cane, i suoi piedi urlano libertà, gli stivali anche e  la schiuma sta avanzando decisa tra l'alluce e l'illice. E'questione di tempo, ancora poche ore e tutti i clienti dello stabilimento rimarranno soffocati dalla sua puzza.

Come sapete, più volte questa rubrica ha toccato l'aspetto sociale (ricordate il virus della bocca a culo di gallina?). Oggi vi voglio parlare di un altro virus che velocemente si sta diffondendo su tutte le spiagge italiane e non solo:

La foto inguinale: dalla spiaggia a Facebook

Premesso che non me ne può fregare di meno che tu sei al mare mentre io cerco di sopravvivere al mio full time in ufficio, mi chiedo che razza di moda sia farsi una foto dall'inguine in giù con costume Tezenis "n'do cojo cojo", in riva al mare.



Ho già tanti problemi: non ho tempo per andare dall'estetista ad esempio, e mi arrangio spesso con cerette fai da te con scatola invitante che si rivelano vere e proprie fabbriche di peli incarniti; cosa ho fatto di male per dovermi cibare il tuo inguine spiattellato li, sulla mia bacheca di Facebook, con tanto di frasi idiote: " Oggi Total relax", "Oggi non ci sono per nessuno", " Today Sun and Sea"?
Fottiti. Tu e il tuo costume "n'do cojo cojo Tezenis", tu e i tuoi peli inguinali camuffati da Instagram, tu e la tua estetista sempre gentile e disponibile.

Per oggi #civettiamo termina qui, non so se sono realmente pronta per andare in ferie, ma tra poco mi tocca!Non è detta l'ultima, tenetevi sempre  pronti ad altri orrori e non esitate a segnalarmene altri!
Vi bacio tutti miei #civettiamofans e ricordate che vi adoro!







4 commenti:

  1. GRANDE E SPIETATA!

    RispondiElimina
  2. Questo post è strepitoso Nicoletta,mi hai fatto morire!! ;)) Bacione,Paolo

    RispondiElimina
  3. huhuhuhuhuhahaahauha!!! bellissimooo!! e come sempre tutto (ahi noi!) vero!

    RispondiElimina
  4. Agguerrita al massimo, comunque non ti batte nessuno, come "coj" tu gli orrori piu' osceni e spaventosi, proprio nel senso che a me mettono paura, nessuno...buon fine settimana!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...